Utilizzi e proprietà benefiche del grano saraceno

IMPERDIBILI: Non perderti i migliori rimedi naturali del 2017! Clicca qui per leggere le recensioni!

lista dei migliori rimedi naturali

Utilizzato in sostituzione del riso, il grano saraceno è un seme duro e sfarinabile di una pianta erbacea. Considerato a torto un cereale, esso appartiente alla famiglia delle polygonaceae ornamentali. Questo vegetale non è quindi un grano, e non è nemmeno di origini saracene, dal momento che i suoi natali sono mongoli. Il grano saraceno è infatti originario di una vasta zona che va dal lago Bajkal, in Siberia, alla Manciuria. Dapprima diffusosi in Cina, Giappone e India, giunse in Europa in periodo medievale a opera di mercanti musulmani. Da qui l’aggettivo ‘saraceno’. In Italia veniva coltivato nel secolo XVI nella zona del Veronese; da questa regione la sua coltivazione ha avuto diffusione fino alla Valtellina; qui ancor oggi viene in parte coltivato e in parte importato.

Dal seme di questa pianta si ricava la nota farina di grano saraceno, essenziale per la confezione di: pizzoccheri, gustosissima pasta a base di grano saraceno; polenta nera; polenta taragna e altre specialità culinarie valligiane.

Benefici e proprietà nutritive del grano saraceno

Oltre a dar vita a delizie gastronomiche della cucina tradizionale, il grano saraceno possiede un altissimo valore proteico, equiparabile sia a quello della carne che a quello della soia, e notevoli proprietà nutrizionali. Tra queste:

  • – esso vanta la presenza di sali minerali;
  • – quella di vitamine;
  • – la presenza di amminoacidi;
  • – quella di fibre.

Il grano saraceno vanta anche numerose proprietà benefiche:

  • – è un importante cardiotonico: grazie alla rutina è di grande ausilio per l’elasticità dei vasi sanguigni e apporta notevoli benefici anche alle emorroidi
  • – vista la presenza di magnesio è in grado di regolarizzare la pressione del sangue e di ridurre l’LDL, ovvero il colesterolo cattivo;
  • – non presenta tracce di glutine, pertanto è un alimento di notevole importanza per chi soffre di celiachia;
  • – visto il basso indice glicemico è un ottimo alimento per i diabetici;
  • – a causa della presenza di vitamina B, il grano saraceno viene impiegato come coadiuvante da coloro che soffrono di disturbi epatici.

Questo seme ha notevoli proprietà anche per la bellezza del corpo:

  • – è un diuretico, quindi utile per chi soffre di ritenzione idrica;
  • – è un detossinante;
  • – essendo ricco di favonoidi, apporta notevoli benefici alla pelle prevenendone l’invecchiamento;
  • – la farina di grano saraceno, usata a mo’ di bagnoschiuma sotto la doccia, dona morbidezza all’epidermide.

I diversi utilizzi del grano saraceno

Ma quali sono i diversi utilizzi del grano saraceno? Oltre agli impieghi culinari sopra esposti è doveroso precisare che con la sua farina si preparano ottimi prodotti da forno e deliziosi dolci arricchiti con frutta secca, mentre dai suoi fiori viene realizzato un miele molto saporito.

Per quanto riguarda la cucina vegetariana e quella vegana, grazie al suo elevato contenuto proteico il grano saraceno viene spesso usato in sostituzione alla carne in abbinamento alla soia.

In virtù dell’alta presenza di fibre il grano saraceno facilita il transito intestinale, pertanto può essere usato anche in caso di stitichezza. Questo alimento è inoltre ottimo per insalate per la preparazione di zuppe e minestre.

In fitoterapia il seme in questione viene utilizzato per aiutare la circolazione sanguigna attraverso la realizzazione di decotti oppure impacchi.

Il decotto viene usato anche quando si hanno problemi di concentrazione, per attutire la stanchezza e come coadiuvante contro la gastrite.

Gli impacchi caldi attenuano i dolori mestruali, sono utili in presenza di ematomi e di contusioni e apportano sollievo in caso di spasmi all’intestino.

Prodotti che potrebbero interessarti:

Nessun voto

Dai un voto a questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *