Proprietà benefiche della prugna

IMPERDIBILI: Non perderti i migliori rimedi naturali del 2017! Clicca qui per leggere le recensioni!

lista dei migliori rimedi naturali

La prugna è il frutto dell’albero prunus domestica, una pianta che appartiene alla famiglia delle Rosacee. Le prugne possono essere consumate sia fresche che secche e, oltre al sapore, la differenza più notevole fra le due sta nella concentrazione più elevata di antiossidanti che caratterizza le prugne secche.

Sebbene la pianta dalla quale si ottengono i frutti venga coltivata quasi ovunque, la più nota resta la varietà californiana.

Le prugne possiedono un contenuto particolarmente elevato di potassio, inoltre, contengono magnesio, fosforo, calcio, zinco, ferro, rame, sodio, manganese e fluoro.

Fra le vitamine quantitativamente più importanti figurano le vitamine A, C, K ed E, oltre a quelle del gruppo B. Sono una preziosa fonte di beta-carotene, luteina e zeaxantina.

Infine, contengono aminoacidi, fibre e come detto, un’alta quantità di antiossidanti, elementi preziosi in quanto capaci di limitare l’azione negativa dei radicali liberi. Tutte le sostanze appena elencate offrono benefici molto importanti in grado di migliorare notevolmente il funzionamento dell’organismo. La principale e più nota fra tutte le proprietà ascrivibili a questo frutto è quella lassativa.

Benefici della prugna

Le prugne, infatti, sono un rimedio prezioso contro la stitichezza ed il loro effetto lassativo è dovuto soprattutto all’abbondanza di fibre alimentari, ma anche di zolfo e fruttosio.

Chi desidera combattere uno stato fastidioso come la stitichezza può consumarle sia fresche che secche, facendo attenzione a non esagerare con le quantità.

Le prugne possono dare una grossa mano al nostro organismo anche attraverso il loro contenuto in antiossidanti, elementi in grado di contrastare l’invecchiamento cellulare causato dai radicali liberi, responsabili di numerose patologie, fra cui tumori e malattie cardiovascolari.

Una buona notizia per coloro che devono fare i conti con il colesterolo è il potere delle prugne nel contrastarlo. Il colesterolo cattivo LDL, infatti, viene combattuto efficacemente mediante la presenza di fibre solubili, capaci di legarsi agli acidi biliari innescando una reazione anticolesterolemizzante.

L’altro composto presente nelle prugne che aiuta ad abbassare i livelli di colesterolo nel sangue è l’acido propionico, sebbene per adesso i test che mettono in evidenza tale aspetto siano soltanto sperimentali. Le prugne hanno proprietà rinvigorenti e rimineralizzanti grazie al loro contenuto in vitamine e sali minerali, pertanto risultano perfette per combattere carenza di energia e condizioni di forte spossatezza.

L’ideale è consumarle subito dopo l’attività fisica, così da reintegrare i sali minerali perduti con la sudorazione.

Vitamina C e sali

Come detto, le prugne vantano un contenuto importante in vitamina C, in grado di migliorare l’assorbimento del ferro da parte dell’organismo, nonché l’ossigenazione dei tessuti. Il contenuto in ferro, inoltre, apporta ulteriori benefici ai capelli, rendendoli più forti e spessi.

Il consumo di prugne secche può sortire importanti vantaggi anche per le ossa, contrastando malattie come l’osteoporosi.

Se le prugne secche risultano utili a migliorare la tenuta delle ossa, quelle fresche sono preziose nel combattere i problemi respiratori e condizioni transitorie quali bronchite e tosse, aiutando l’espulsione delle secrezioni che tendono ad accumularsi nei bronchi.

L’abbondanza di zuccheri presenti nelle prugne non provoca picchi glicemici. La spiegazione? Le fibre contenute nel frutto aiutano a tenere sotto controllo l’assorbimento degli zuccheri. Infine, è necessario sottolineare il contributo offerto dalle prugne al ringiovanimento e alla protezione della pelle.

L’elevato contenuto di vitamina A, beta-carotene e antiossidanti protegge dall’invecchiamento cellulare, dalla comparsa precoce delle rughe ed offre una valido aiuto contro l’acne e gli inestetismi più comuni.

Prodotti che potrebbero interessarti:

Nessun voto

Dai un voto a questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *