AirBed: il materassino gonfiabile indistruttibile

IMPERDIBILI: Non perderti i migliori rimedi naturali del 2017! Clicca qui per leggere le recensioni!

lista dei migliori rimedi naturali

AirBed la nuova frontiera dei materassi gonfiabili

Esistono accessori utilizzati di rado, ma che devono essere sempre mantenuti al meglio allo scopo di renderli funzionali al proprio scopo.

Questo accade, ad esempio, per tutti gli attrezzi da campeggio, dalle tende ai tavolini, passando anche per tutti gli accessori che si possono usare per stare più comodi, come il materassino gonfiabile.

In molti casi, i materassi gonfiabili diventano inservibili dopo una sola stagione di utilizzo: questi, infatti, si bucano anche solo per essere stati piegati male, possono avere problemi con le valvole e rendere davvero molto scomodo il riposo.

Lo stesso accade qualora si usi un cuscino gonfiabile, spesso troppo poco spesso per garantire un sufficiente supporto a testa e collo. Proprio per ovviare a questo genere di problemi è stato inventato AirBed, un comodissimo materassino gonfiabile che sfrutta una tecnologia tanto semplice quanto geniale.

Questo materasso, infatti, si gonfia semplicemente con l’aria, è molto resistente (lo si può utilizzare, ad esempio, sugli scogli) ed è anche facile da piegare e da riporre dopo l’uso.

Il materassino si può utilizzare in ambienti diversi e consente di ospitare anche più persone contemporaneamente in modo confortevole. Ecco perché AirBed potrebbe diventare il materasso gonfiabile del futuro!

Se vuoi acquistare questo prodotto online, ricorda di inserire il tuo numero di telefono esatto dato che servirà al corriere per confermare l’ordine. Ricorda che puoi pagare alla consegna e che la spedizione è gratis!

AirBed, un accessorio indispensabile per tutti gli avventurieri

In tanti si saranno trovati nella situazione spiacevole caratterizzata da un materasso gonfiabile rotto o poco resistente.

Ci si prepara per andare a dormire e il materassino si sgonfia da solo oppure esplode per la troppa pressione.

come funziona airbed
Come funziona AirBed? (sito ufficiale)

Inoltre, spesso il fatto di dover impiegare anche 15 minuti per gonfiare perfettamente questi materassini induce i tanti campeggiatori a preferire soluzioni più scomode, ma certamente più veloci da mettere in pratica, come accade per i piccoli materassi autogonfianti.

Tuttavia, questo non sarà più un problema grazie all’utilizzo del materasso AirBed, che può essere utilizzato anche come cuscino gonfiabile e in ambienti e situazioni differenti.

Esso perché questo accessorio presenta tanti lati positivi e vantaggi, tra i quali si possono annoverare i seguenti:

  • Il materassino è facilissimo da gonfiare, in quanto basta aprirlo e far entrare la normale aria. Non serviranno pompe o compressori;
  • Questo materasso è davvero molto resistente, grazie alla tecnologia utilizzata per la sua produzione, e ai particolari materiali usati;
  • Il materasso può ospitare fino a tre persone contemporaneamente;
  • Il prodotto è leggero ed è facile da trasportare quando chiuso e riposto nella sua custodia;
  • Lo si potrà utilizzare su terreni diversi, arrivando anche ad un uso sugli scogli e su superfici irregolari;
  • Il materasso ha un cordino che evita che questo voli via in caso di vento e di utilizzo all’aria aperta;
  • Il prodotto è facile da sgonfiare;
  • Il materasso rimane gonfio per un periodo che può raggiungere le 12 ore, garantendo sempre confort e comodità;

Grazie alle sue tante caratteristiche positive, AirBed ha già conquistato tanti consumatori, che lo stanno scegliendo come accessorio per le proprie vacanze, sia per riposare in tenda, sia per potersi divertire in spiaggia e anche in acqua, visto che il materasso è sicuro e galleggiante.

Risolvere i problemi dei campeggiatori

Si è già accennato a quelli che possono essere i problemi maggiori che avventurieri devono affrontare nel caso in cui si vogliano dotare di un materassino gonfiabile.

In tantissimi casi, questi materassi vengono riposti per tutto l’anno nella loro confezione, e ci si dimentica di loro.

Ad un certo punto sarà necessario utilizzarli nuovamente, e qui inizieranno le brutte soprese.

Infatti, molti materassi tenderanno a logorarsi anche senza un utilizzo costante, semplicemente per il fatto di rimanere piegati per tanti mesi.

Basterà una piccola fessura per far uscire l’aria inserita durante il gonfiaggio.

Anche se tanti di questi strumenti vengono venduti con dei kit per la riparazione, le toppe che si possono applicare nei punti lacerati non saranno mai efficaci quanto la stoffa originale del tappetino.

Dopo qualche utilizzo, anche la riparazione verrà meno, obbligando ad abbandonare per sempre il proprio materassino, nonostante i costi spesso non proprio bassi che si devono affrontare per l’acquisto.

In altri casi può essere la valvola di gonfiaggio a funzionare male: molte di queste sono dotate di un tappo a vite che, pian piano, tenderà ad allentarsi e a far nuovamente fuoriuscire l’aria.

In queste situazioni ci si accorgerà del malfunzionamento del materasso solo dopo averlo utilizzato, e magari dopo aver trascorso una notte in bianco nella propria tenda!

Ecco perché in molti arrivano a preferire soluzioni diverse dal campeggio per riposare, come bungalow, roulotte e hotel, che certamente vedono la presenza di letti veri e di materassi non gonfiabili.

Tuttavia, non è necessario rinunciare al proprio spirito d’avventura per un dettaglio così infinitesimale, che può essere risolto grazie all’acquisto di un AirBed, che sarà facile e veloce da gonfiare, garantirà resistenza, comodità e anche maneggevolezza nell’uso.

AirBed: i materiali che fanno la differenza

A questo punto ci si potrebbe chiedere quali siano le differenze intercorrenti tra questo prodotto e i tantissimi altri materassi gonfiabili presenti in commercio, che vengono venduti ogni anno.

il materiale di airbed
Il materiale di AirBed (sito ufficiale)

Le differenze sono tante e sono anche particolarmente rilevanti! Si inizia dalla tecnologia utilizzata per poter gonfiare il materasso.

I materassini comuni possono essere gonfiati con una pompa meccanica oppure con una automatica, come quelle a compressione, che ci si dovrà sempre ricordare di ricaricare. In ogni caso, il processo di gonfiaggio richiede tempo e, nel caso di pompe manuali, anche una certa dose di impegno e di fatica.

Utilizzando AirBed questo problema verrà meno, visto che tale materasso si gonfia in un attimo e utilizzando la semplice aria aperta, che verrà fatta entrare in esso con pochi movimenti. Oltre ad essere molto facile da utilizzare, AirBed è anche particolarmente resistente.

Si è già indicata la possibilità di utilizzarlo su terreni misti, sino a raggiungere gli scogli, spauracchio per ogni appassionato del mare che voglia prendersi qualche minuto di relax senza farsi male.

Il materiale utilizzato per la produzione di questo materasso prende il nome di Nylon Ripstop, una stoffa dalle caratteristiche davvero interessanti. Questo particolare tipo di Nylon, infatti, oltre ad essere leggero è molto resistente alle lacerazioni.

Infatti, viene spesso utilizzato in ambito militare, e a livello civile lo si usa per la realizzazione di mongolfiere, paracadute e anche vele per le barche. Questo testimonia quanto il materiale sia prezioso e sia in grado di resistere agli urti e anche alle intemperie.

Inoltre, esso può supportare un peso che, nei testi eseguiti, è arrivato anche a superare i 200 chili. Questo significa che, in media, il materassino potrà ospitare anche tre persone senza alcun problema. Infine, le cuciture interne del materasso, particolarmente rinforzate, eviteranno che questo si apra a causa dell’utilizzo prolungato.

AirBed, facile e veloce da utilizzare

Si è già fatto riferimento alle caratteristiche peculiari di questo materassino, che si gonfia con la semplice aria e che non richiede l’intervento di compressori o pompe.

Nel dettaglio, per riempire d’aria questo materassino lo si dovrà aprire, poi lo si dovrà scuotere in aria (basteranno pochi movimenti, giusto un paio) in modo che questo si gonfi. A questo punto, si chiuderà la fibbia e si ripiegherà la parte dedicata all’apertura, in modo da potersi accomodare sul materasso.

Al contrario, per poterlo sgonfiare, si dovrà riaprire la fibbia e si lascerà l’aria uscire liberamente.

Alla fine sarà possibile ripiegare correttamente il materasso e riporlo nella sua sacca, in modo che rimanga pulito. Di volta in volta lo si potrà tranquillamente riutilizzare, seguendo sempre il medesimo procedimento e potendolo trasportare senza alcun problema.

Inoltre, per evitare che il materasso voli via, ad esempio nel caso in cui lo si voglia utilizzare in spiaggia, si potrà collegare la fettuccia posta su di esso ad un qualsiasi oggetto pesante, come una sdraio oppure un ombrellone. In questo modo, anche nel momento in cui il materasso non sia occupato da nessuno, non si rischierà di perderlo.

Offerta esclusiva solo per te!

Solo per i visitatori del nostro sito c'è uno sconto esclusivo del 30% per acquistare AirBed!

Lo sconto ha una durata limitatissima: approfittane SUBITO!

Prodotti che potrebbero interessarti:

5/5 (1)

Dai un voto a questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *